Destinatari

La residenza socio sanitaria assistenziale ,di seguito denominata RSSA , eroga prevalentemente servizi socio assistenziali a persone in situazione di handicap con gravi deficit psico-fisici, in età compresa tra i 18 e i 64 anni e che richiedono un alto grado di assistenza alla persona con interventi di tipo educativo, assistenziale e riabilitativo a elevata integrazione socio-sanitaria, che non sono in grado di condurre una vita autonoma le cui patologie, non in fase acuta, non possono far prevedere che limitati livelli di recuperabilità dell’autonomia e non possono essere assistite a domicilio.

 

Ricettività

L’ospitalità presso la RSSA fa riferimento a programmi di lunga durata.

La R.S.S.A “Il Girasole” è autorizzata all’esercizio quale Residenza Socio Sanitaria Assistenziale per diversamente abili con una ricettività di 80 posti letto riservati a Pazienti che necessitano di un alto livello assistenziale ed organizzati, nel rispetto della normativa di riferimento, in nuclei da 20 posti ciascuno.

 

Prestazioni

la R.S.S.A. si impegna ad assicurare la continuità del servizio mediante l’articolazione dello stesso in turni sulle ventiquattro ore, in modo da garantire adeguati livelli di prestazioni: assistenza diurna e notturna, attività riabilitative ed educative, prestazioni infermieristiche.

 

Attività del centro

Tutte le attività devono essere orientate in funzione dei bisogni del Paziente e della terapia.

Il personale Socio-Assistenziale della R.S.S.A. garantisce 24 ore su 24 aiuto e assistenza agli ospiti nello svolgimento delle attività di vita quotidiana secondo un piano di assistenza individualizzato, formulato in equipe e aggiornato periodicamente.

In particolare le attività di assistenza tutelare prevedono:

- igiene quotidiana della persona oltre ad un bagno assistito periodico.

- mobilizzazione attiva e passiva e posture individuali.

- uso di ausili per incontinenza secondo i bisogni.

- gestione dell’alimentazione assistita

- controllo e sorveglianza della persona

- partecipazione alle attività di socializzazione

- mantenimento di tutte le residue capacità funzionali ancora in possesso dell’utente secondo interventi personalizzati (P.A.I) mirando alla rilevazione e alla risoluzione dei bisogni della singola persona.